FAMI : bando per azioni di supporto al rimpatrio volontario dei migranti

Le risorse europee del Fondo Asilo Migrazione Integrazione ( FAMI 2014/2020 ) sostengono la gestione dei flussi migratori, anche aiutando i processi di rimpatrio volontario dei migranti stessi.

Il Ministero dell’Interno ha lanciato il secondo bando della misura che finanzia le azioni volte a supportare il rientro, su base volontaria, dei migranti nei paesi di origine, aiutandoli nel reinserimento sociale ed economico.

I progetti devono prevedere diverse fasi:

  • attività iniziali di sensibilizzazione e divulgazione della misura;
  • orientamento individuale e studi sulle possibilità di reinserimento nei singoli paesi;
  • accompagnamento e supporto individuale;
  • definizione del piano di rientro (con lo svolgimento eventuale di attività formative ed attribuzione di un sussidio);
  • supporto nella fase di rimpatrio (spese di viaggio);
  • svolgimento di attività di supporto al reinserimento in loco e valutazione ex post del percorso individuale.

Possono presentare le proposte progettuali di sostegno al rimpatrio volontario :

  • Enti locali, loro unioni e consorzi, così come elencati dall’art. 2 del d.lgs. n. 267/2000, e Regioni, ovvero loro singole articolazioni purché dotate di autonomia organizzativa e finanziaria;
  • Enti pubblici;
  • Organismi governativi o intergovernativi operanti nello specifico settore di riferimento oggetto dell’Avviso;
  • Organismi ed organizzazioni internazionali operanti nello specifico settore di riferimento oggetto dell’Avviso;
  • Fondazioni di diritto privato operanti nello specifico settore di riferimento oggetto dell’Avviso;
  • ONG operanti nello specifico settore di riferimento oggetto dell’Avviso;
  • Associazioni od ONLUS operanti nello specifico settore di riferimento oggetto dell’Avviso;
  • Società Cooperative e Società Consortili operanti nello specifico settore di riferimento oggetto dell’Avviso;
  • Organismi di diritto privato senza fini di lucro e imprese sociali operanti nello specifico settore di riferimento oggetto dell’Avviso;
  • Associazioni sindacali, datoriali, organismi di loro emanazione/derivazione, Sindacati;
  • Camere di commercio.

Le attività dovranno svolgersi a partire dal febbraio 2019 per concludersi al massimo entro il dicembre 2021. Ogni proposta progettuale dovrà riguardare il rimpatrio volontario di almeno 200 persone e potrà ricevere un contributo massimo di 900.000 euro.

La dotazione complessiva del bando è pari a 12.150.000 euro.

Le proposte progettuali dovranno essere presentate online sulla piattaforma telematica dedicata entro le ore 16.00 del 6 dicembre 2018

Per ogni ulteriore informazione consultare il bando FAMI per per azioni di supporto al rimpatrio volontario dei migranti