sicilia

Finanziamenti per 35 comuni siciliani per riqualificare immobili da destinare ad attività socio-culturali e sportive

Il Dipartimento della famiglia e delle politiche sociali della Regione Siciliana ha approvato le disposizioni operative relative all’avviso che finanzia i progetti per “Interventi di recupero funzionale e riuso di vecchi immobili di proprietà pubblica in collegamento con attività di animazione sociale e partecipazione collettiva, inclusi interventi per il riuso e la rifunzionalizzazione dei beni confiscati alle mafie”




Risposta interrogazione consultazione PAC – VIDEO

Dopo la mia interrogazione alla Commissione europea, scaturita dalle vostre sollecitazioni, la consultazione pubblica sulla riforma della Politica agricola comune (PAC) é ora disponibile anche in lingua italiana. Invito tutto il comparto agricolo siciliano a partecipare, compilando il questionario, per dire come vorreste cambiare la prossima PAC. Facciamo sentire la nostra voce in Europa!


Politiche europee contro il randagismo

Canili che in realtà sono lager per animali. Gatti e cani “randagi” vittime di episodi di sadismo e sevizie impensabili. Gli animali che non hanno qualcuno che si occupa di loro – o che sono stati abbandonati! – cioè quelli che noi chiamiamo “randagi” soffrono sempre di più e rappresentano anche un alto costo economico per la società. Da vicepresidente dell’Intergruppo per il Benessere degli animali del Parlamento europeo ho ospitato oggi un evento/conferenza sulla problematica che in Europa ha dimensioni e ricadute importanti. È urgente che la gestione dei canili in Europa coinvolga anche le associazioni che tutelano il benessere degli animali. È urgente una campagna europea contro l’abbandono degli animali domestici



La Sicilia vada avanti velocemente sulla raccolta differenziata – VIDEO

L’ Italia è tra i primi in Europa per raccolta differenziata, ma la Sicilia è ultima in classifica. Un triste primato da modificare al più presto, per non incorrere in sanzioni europee, ma soprattutto per tutelare la salute e la sicurezza dei cittadini. La Sicilia è purtroppo ancora molto lontana da un sistema di economia circolare che invece sta progredendo in molte altre regioni.


La Sicilia come la Macedonia greca – VIDEO

I dati Istat sulla ricchezza delle regioni europee sono chiari: la Sicilia è allo stesso livello della Macedonia greca e della Lettonia. Solo che la Lettonia è entrata nell’ Unione Europea nel 2004, mentre la Sicilia è “regione meno sviluppata” da 25 anni. Dobbiamo ammettere che non siamo stati in grado di fare dell’ Unione un’opportunità di crescita.



G7 : lo stereotipo delle coppole offende la Sicilia – VIDEO

La Sicilia del G7 , quella promossa dal manifesto inviato a migliaia di giornalisti dalla Presidenza del Consiglio italiana in occasione degli accrediti al summit mondiale di Taormina, è esattamente quella dello stereotipo falso, vecchio, ignorante e qualunquistico contro il quale Matteo Renzi ha voluto opporsi, proponendo Taormina al posto di Firenze per questo evento.

Sull’App varata dalla Presidenza del Consiglio oggi la foto, che purtroppo ha già fatto il giro del mondo, non esiste più, rimossa, cancellata. E ora magari si ripeterà il solito copione di scuse più o meno convinte e giustificazioni che forse costeranno l’incarico a chi questa campagna ha ideato mentre si moltiplicano le reazioni, il disappunto, lo sdegno.

Ma il danno alla terra che si è aggiudicata il G7 per volontà dell’allora Premier Matteo Renzi proprio perché questi aveva cosi voluto rispondere provocatoriamente alle insinuazioni di chi riteneva impossibile che il Summit si tenesse in un territorio a rischio mafioso, è ormai fatto, gravissimo. Promuovere il G7, con l’invio massivo di email a tutti i giornalisti del globo e una app già scaricata centinaia di migliaia di volte, usando una foto in cui un uomo con la coppola, la sigaretta pendente al labbro, camicia nera e bretelle, incolla il suo sguardo su una ragazza rossovestita quanto maliziosamente ammiccante, ma con gli occhi bassi di ordinanza, è assurdo quanto incredibile.

Mentre resta amara la consapevolezza  che, aver messo la coppola sul G7 – proprio per usare un frasario locale vecchio quanto discutibile – per sconfiggere lo stereotipo Sicilia/terra di mafia, è davvero inutile se i primi a vederci con gli occhi de Il Padrino siamo noi.