taormina

A Taormina Gourmet per premiare i produttori siciliani

Il vino caratterizza e racconta l’identità di un territorio, racconta non solo la storia del lavoro di uomini e donne, ma anche i loro sogni e la loro energia. Il vinoè ambasciatore dell’identità di un popolo. Ieri, a Taormina Gourmet, ho avuto il piacere di premiare tanti produttori e aziende vitivinicole di grande valore. Con loro le realtà più rappresentative delle eccellenze e tipicità agroalimentari siciliane che sono la ricchezza della nostra Sicilia. Il mio impegno, come membro della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, è continuare a dar loro il massimo sostegno!

 


“Challenges For Youth” a Taormina per Ta@Buk

Ta@Buk, Festival letterario giunto all’ottavo anno, è dedicato al tema delle Rivoluzioni. E il cambiamento, si sa, parte dai giovani.

Parteciperò, infatti, al tavolo “Challenges For Youth” – Definizione di dialogo strutturato: come promuoverlo e come lavorare con diversi attori istituzionali. Ci vediamo lunedì 25 giugno alle ore 16.00 all’Hotel Villa Diodoro di Taormina

 

ta@buk

Emigrazione e Made in Sicily

Emigrazione ed immigrazione non sono “emergenze” ma fenomeni che attraversano la storia ed aprono nuove occasioni. Un esempio è la rete d’imprese dei nostri conterranei all’estero, canale privilegiato per il Made in Sicily. Ne parlerò a Taormina venerdì 11 agosto alle 18


All´assemblea regionale dei veterinari parlo del mio lavoro in Parlamento europeo per il benessere degli animali per lo sviluppo e la sicurezza alimentare

La salute ed il benessere degli animali è condizione per assicurare la salute umana, la sicurezza alimentare ed affermare un modello sostenibile di allevamento. Questa una delle priorità del mio impegno al Parlamento Europeo . Ne parlerò all’assemblea regionale dei veterinari Sivemp sabato 29 aprile 2017 , alle 9,30, a Taormina


G7 : lo stereotipo delle coppole offende la Sicilia – VIDEO

La Sicilia del G7 , quella promossa dal manifesto inviato a migliaia di giornalisti dalla Presidenza del Consiglio italiana in occasione degli accrediti al summit mondiale di Taormina, è esattamente quella dello stereotipo falso, vecchio, ignorante e qualunquistico contro il quale Matteo Renzi ha voluto opporsi, proponendo Taormina al posto di Firenze per questo evento.

Sull’App varata dalla Presidenza del Consiglio oggi la foto, che purtroppo ha già fatto il giro del mondo, non esiste più, rimossa, cancellata. E ora magari si ripeterà il solito copione di scuse più o meno convinte e giustificazioni che forse costeranno l’incarico a chi questa campagna ha ideato mentre si moltiplicano le reazioni, il disappunto, lo sdegno.

Ma il danno alla terra che si è aggiudicata il G7 per volontà dell’allora Premier Matteo Renzi proprio perché questi aveva cosi voluto rispondere provocatoriamente alle insinuazioni di chi riteneva impossibile che il Summit si tenesse in un territorio a rischio mafioso, è ormai fatto, gravissimo. Promuovere il G7, con l’invio massivo di email a tutti i giornalisti del globo e una app già scaricata centinaia di migliaia di volte, usando una foto in cui un uomo con la coppola, la sigaretta pendente al labbro, camicia nera e bretelle, incolla il suo sguardo su una ragazza rossovestita quanto maliziosamente ammiccante, ma con gli occhi bassi di ordinanza, è assurdo quanto incredibile.

Mentre resta amara la consapevolezza  che, aver messo la coppola sul G7 – proprio per usare un frasario locale vecchio quanto discutibile – per sconfiggere lo stereotipo Sicilia/terra di mafia, è davvero inutile se i primi a vederci con gli occhi de Il Padrino siamo noi.


Concorso “Noi e gli Altri” raccontare l’esperienza europea con Erasmus

“Noi e gli altri” è il titolo del concorso, lanciato dall’ Agenzia Nazionale Giovani e dal Festival Taobuk , che premierà i migliori elaborati scritti sulle esperienze vissute dai giovani negli altri paesi europei nell’ambito dei programmi di mobilità Erasmus plus .

Il concorso, rivolto ai giovani dai 18 ai 30 anni, è articolato in due sezioni di competizione : racconto breve e reportage giornalistico.

Entrambe le sezioni devono ispirarsi al tema “Noi e Gli Altri”, volto appunto ad esplorare il concetto di alterità come essenziale nella costruzione di una cultura del dialogo di civiltà, così come la filosofia che anima i progetti di mobilità europea patrocinati dall’ Agenzia Nazionale Giovani. I ragazzi che hanno già partecipato ad esempio al programma Erasmus Plus hanno sperimentato e fatto proprio quel patrimonio di valori alla base dell’Europa, quali l’accoglienza, la solidarietà, l’educazione al confronto e al dialogo.

La selezione, operata dalla giuria rappresentata dagli organismi promotori, Taobuk e ANG, da rappresentanti del mondo della narrativa e dell’editoria, prevede un vincitore per sezione e dieci menzioni d’onore.

Gli elaborati, della dimensione massima di 5.400 battute, dovranno essere inviati via mail entro il 15 luglio 2016

I vincitori potranno partecipare all’inagurazione dell’edizione di Taobuk (con vitto ed alloggio a carico dell’organizzazione) e saranno pubblicamente premiati nell’ambito della prestigiosa rassegna letteraria in programma a Taormina per il 10 ed 11 settembre.

Per maggiori informazioni consultare la pagina dedicata al concorso “Noi e gli Altri” sul sito di Taobuk

 


Taormina Emigrazione ed immigrazione : da problema ad occasione di crescita

Sabato 23 gennaio 2016 sono stata a Taormina , nella splendida cornice del Palazzo Duchi di Santo Stefano, per partecipare al convegno “il valore reale dell’Emigrazione “, promosso dall’Associazione Comunità Siciliana nel Mondo.

Un’ottima occasione di riflessione sulla realtà migratoria, dall’emigrazione in partenza dalla Sicilia alla nuova realtà dell’immigrazione. Come ho detto nel mio intervento la libertà di movimento delle persone è un pilastro dell’Europa ed è, storicamente, un potente motore di sviluppo.