Diminuzione della dotazione del FEAMP per l’Italia

Diminuzione della dotazione del FEAMP per l’Italia

In seguito al taglio di bilancio proposto dalla Commissione sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (Feamp) per il periodo 2021-2027, l’Italia potrebbe perdere circa 19 milioni di euro a prezzi correnti, una riduzione del 3,5 % rispetto all’attuale programmazione. Nel periodo finanziario 2021-2027 all’Italia dovrebbero andare oltre 518 milioni di euro, mentre nel periodo 2014-2020 la dotazione supera i 537 milioni di euro.

La proposta della Commissione arriva mentre gli operatori del settore devono ancora sapere come le misure approvate dal Parlamento a maggio saranno applicate nei fatti, per avere criteri più rigorosi per i prodotti di acquacoltura importati e un’etichetta per quelli da allevamenti sostenibili europei. Il sostegno al settore, che copre circa il 20 % della produzione ittica dell’UE e impiega circa 85mila persone, è sempre più indispensabile: deve essere volto ad alleggerire il carico delle pratiche amministrative per le aziende e ad avviare una campagna informativa a livello di UE per sensibilizzare i consumatori sulle differenze tra le regole stringenti cui si conformano gli allevamenti di prodotti ittici europei.

Alla luce di quanto precede, la Commissione:
1) Come intende monitorare l’attuazione delle proposte approvate a larga maggioranza dal Parlamento?
2) Come intende snellire le procedure che impediscono agli aiuti di raggiungere l’industria della pesca in generale?