Partecipazione delle persone con disabilità alle elezioni europee

Partecipazione delle persone con disabilità alle elezioni europee

( Intervento alla seduta plenaria del Parlamento Europeo del 5 luglio 2018 a Strasburgo )

Signora Presidente, onorevoli colleghi, in quest’Aula discutiamo oggi di due diritti fondamentali per ogni paese che voglia davvero definirsi civile: quello alla partecipazione democratica e quello di uguaglianza delle persone con disabilità, principi che l’ONU riconosce ma che, ciononostante, noi siamo qui a chiedere.

Siamo qui a chiedervi quale sia lo stato di quello che da più legislature è un cammino ad ostacoli. Perché non si tratta soltanto di barriere fisiche in molti casi, ma anche di barriere ideologiche, comunicative, burocratiche. Alla vigilia delle prossime elezioni europee, constatiamo che ancora, in alcuni Stati membri di quest’Europa, le persone con disabilità sono praticamente escluse dal diritto di voto.

Signora Commissaria, non c’è più tempo per discutere: è urgente una legislazione uniforme, misure immediate, correttivi efficaci per applicare ogni passaggio della strategia europea sulla disabilità. Noi ve lo chiediamo a viva voce: è un dovere politico, etico e morale.